L'arte del fallimento

Le avventure straordinarie di un investigatore senza qualità, che si muove fra il sud della Svizzera e il nord dell’Italia.

Elia Contini sopravvive facendo l’investigatore privato, costretto a occuparsi per la maggior parte del tempo di piccoli furti e animali smarriti. Un giorno però viene assunto per ritrovare un imprenditore fuggito di casa, e la situazione diventa complessa. Mario Balmelli, proprietario di una ditta di arredamenti, vorrebbe lasciare tutto e seguire il suo sogno: suonare il sax, con la sua blue note che sa raccontare incertezze, solitudini, accensioni sentimentali, lunghi tramonti che sembrano prolungarsi all’infinito. Ma proprio quando trova il coraggio di provarci, tutto va a rotoli: la crisi economica che si inasprisce, una truffa ai danni dei lavoratori frontalieri tra la Svizzera e l’Italia, un pazzo omicida che si scaglia contro la sua famiglia con furia inaudita.
Se nemmeno la polizia riesce a interrompere la catena dei delitti e a capirci qualcosa, come potrà farlo un piccolo detective? Mentre ci fa seguire le piste di un caso a ogni svolta più intricato, Andrea Fazioli indaga con delicatezza e umorismo una situazione esistenziale, quella del fallimento, che prima o poi tocca ognuno di noi. E insinua una domanda: non sarà che il vero fallimento è non fallire mai?

Acquista il libro online

“Più passava il tempo, più Contini si rendeva conto che la pigrizia, o meglio la forza d’inerzia, è l’arma segreta di un buon detective.”

“Caccia all’uomo. Il killer braccato. Paura a Lugano. Nei giorni seguenti lo scoppiettio di luoghi comuni ravvivò il fuoco dell’informazione, generò sfoghi su Facebook, titoli sui giornali, sfuriate negli uffici della Procura e tensione negli open space dove i giornalisti cacciavano le loro prede.”

“Il jazz è la musica di chi si trova a terra e, in qualche modo, tenta di rialzarsi. È un eterno confronto con i limiti, con gli errori. Anzi, è la speranza che proprio negli errori si nasconda una possibilità di salvezza. Perciò Mario insisteva nell’ascoltare i suoi vecchi dischi in vinile, sulla sua vecchia poltrona sfondata, senza preoccuparsi se il mondo andava più veloce di lui.”

La pagina dedicata al romanzo su “Il Libraio”.

Indietro

Iscriviti alla newsletter.